Le tre mense

Mensa della Eucaristia

Ogni giorno viene celebrata l’Eucaristia che diventa il centro di tutta la giornata e il luogo dove nasce tutta la vita della C.d.C.

Quando si celebra l’Eucaristia tutti i lavori si devono fermare e tutti devono partecipare perché è la famiglia che si raccoglie attorno a Gesù, il quale si dona a noi attraverso il suo Corpo e il suo Sangue.

La C.d.C. partecipa il più possibile alla vita della Parrocchia, soprattutto alle liturgie della domenica e delle feste.
L’Eucaristia è il nutrimento più importante per i fratelli poveri, ma la loro presenza alla Messa diventa aiuto per tutta la parrocchia.
Essi infatti sono i più amati dal Signore e ci insegnano a sentirci umili davanti a Lui; nella Messa tutta la famiglia deve essere riunita, perché il Signore si vuole donare a tutti.

Mensa della Parola

Ogni giorno ci si nutre del Pane della Parola di Dio; in essa incontriamo Dio che ci parla, indicandoci la strada da percorrere per conoscere la sua volontà.

La giornata è scandita dalla preghiera perché non ci si dimentichi di Lui, perché Dio ha qualcosa da dire in ogni momento. Si cerca anche di meditare e di dialogare insieme, sulla Parola di Dio che la Chiesa dona quotidianamente nella Messa per essere uniti a tutta la Chiesa che nel mondo proclama quella Parola.

Per quanto è possibile, i poveri partecipano alla preghiera e, con l’aiuto dei fratelli, si nutrono della Parola.
Il Rosario stesso, arricchito di tanti misteri che presentano la vita di Gesù, è un modo per affidarsi a Maria, perché ci guidi nella Parola e ci mostri la via per crescere nella carità.
Questa è la preghiera preferita dai poveri, perché più semplice, più facile da recitare.

Mensa dei Poveri

A volte si corre il rischio di considerare come cibo solo la Parola di Dio e l’Eucaristia, ma anche i poveri sono un nutrimento per la nostra vita cristiana.
E’ Gesù che si dona a noi.

Il servizio diventa riconoscere e contemplare il volto di Cristo che nei fratelli ci ama e si lascia amare, è riconoscere che abbiamo bisogno di loro per amare il Signore non solo a parole, ma con le azioni di ogni giorno (1Gv3,16-18).

Ogni volta che avete fatto questo ad uno di questi fratelli più piccoli… (Mt 25,31-46): questo Vangelo, ci invita a vivere la Carità del Cristo, ci manda ad esercitare le 14 Opere di Misericordia, e ci dice che su questo saremo giudicati.
Attraverso il servizio ai poveri, siamo chiamati a convertirci, cioè a trasformare la nostra vita in carità.

Torna in alto